Abbandono qualificato dalla morte o lesione personale

Tale ipotesi deve essere considerata una figura autonoma riconducibile alla preterintenzione.

Le fattispecie di abbandono sono aggravate (art. 591 co. 4) se il fatto è commesso dal genitore, dal figlio, dal tutore o dal coniuge, ovvero dall’adottante o dall’adottato (rapporto di assistenza nascente dal rapporto familiare).

 Trattamento sanzionatorio: i reati di abbandono sono puniti di ufficio:

  • nelle ipotesi di cui all’art. 591 co. 1 e 2, con la reclusione da 6 mesi a 5 anni;
  • nell’ipotesi qualificata dalle lesioni o morte, con la reclusione, rispettivamente, da 1 a 6 e da 3 a 8 anni (co. 2);
  • nell’ipotesi aggravata del co. 4, con dette pene aumentate fino a 1/3.
Abbandono qualificato dalla morte o lesione personale ultima modifica: 2012-07-08T17:58:54+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta