Lo Stato patrimoniale. Lo Stato assoluto e lo Stato di Polizia

Lo Stato patrimoniale

Lo stato patrimoniale ha caratterizzato tutto il periodo dell’alto medioevo e si affermò successivamente al disfacimento dell’impero romano; non vi è ancora un’organizzazione amministrativa stabile e non vi è ancora l’istituzione di articolati e complessi apparati organizzativi. A fondamento dello stato patrimoniale c’è un accordo, di natura quasi privatistica, che interessa solo alcuni soggetti (i feudatari) e che ha per oggetto la tutela del diritto di proprietà, di cui tali soggetti sono titolari; al di là di questo esiste una comunità indistinta di individui, che appare più come oggetto di diritti altrui che come soggetto di diritti propri.

 

Lo Stato assoluto e lo Stato di polizia

Successivamente si affermò lo Stato assoluto, che vide l’accrescersi dei compiti assunti dallo Stato rispetto a una società che pone esigenze sempre più complesse. Il passaggio da un’economia chiusa ad un’economia di scambio è la ragione per cui prende vita uno Stato che assume come proprio non più un fine specifico, strettamente legato a singole posizioni soggettive, bensì fini di carattere generale, caratterizzati dalla ricerca del benessere per l’intera collettività.

È il periodo in cui prendono vita istituzioni quali il fisco, la tassazione uniforme, la burocrazia statuale e la costituzione di un esercito stabile che rimarranno nei secoli. Una variante, o per meglio dire uno sviluppo, dello Stato assoluto è il cosiddetto Stato di polizia, che si afferma verso la fine del XVIII secolo in Austria ed in Prussia; esso è caratterizzato dal riconoscimento di alcune posizioni soggettive ai singoli, tutelabili davanti ai giudici, anche contro i pubblici poteri.

Lo Stato patrimoniale. Lo Stato assoluto e lo Stato di Polizia ultima modifica: 2013-05-13T20:01:11+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta