I servizi di interesse economico generale nel settore sportivo e nel settore bancario di base e nella raccolta dei risparmi

Corte e tribunale hanno riconosciuto che l’attività sportiva è disciplinata dalle regole della concorrenza se essa è qualificabile come attività economica.

Prima della realizzazione della libera circolazione dei capitali la corte non aveva escluso che anche i trasferimenti internazionali di capitali da parte di istituti bancari potessero rappresentare servizio di interesse economico generale se affidati a pubblica amministrazione. La corte ha poi indagato nel caso del risparmio postale relativamente agli interessi pagati su libretti postali e buoni fruttiferi postali della cassa depositi e prestiti ente controllato dallo stato italiano, finendo però col notare che non c’era un diritto esclusivo di collocamento.

I servizi di interesse economico generale nel settore sportivo e nel settore bancario di base e nella raccolta dei risparmi ultima modifica: 2012-02-08T00:49:56+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta