Direttiva generale in materia di servizi ed i servizi di interesse economico generale

La direttiva 2006/123/CE definita direttiva generale sostiene che l’eliminazione degli ostacoli alla circolazione dei servizi con la formazione di un avanzato modello sociale europeo può portare allo sviluppo sostenibile dell’europa basato su un’economia di mercato fortemente competitiva che porti crescita e occupazione (strategia di Lisbona). Regolamentare il mercato unico dei servizi vuol dire soprattutto equilibrio nell’apertura dei mercati. Tuttavia la disciplina della circolazione dei servizi consente limitazione sulla base di interessi imperativi di carattere generale che permettono bilanciamento tra interessi nazionali e comunitari prevedendo possibili deroghe per gli stati membri quando essi perseguono un obiettivo comunque compatibile con il CE. Queste due categorie di servizi sono contrassegnati dallo stesso carattere di economicità delle prestazioni; tuttavia i due servizi sono difficilmente collegabili ed è stato fatto solo un testo per altro di nessun valore giuridico nonché pleonastico specie nella parte che dichiara che gli stati possano decidere quali siano i servizi di interesse economico generale rispetto agli altri: quindi i primi godranno di tutte i benefici soprascritti (ripetizione di direttiva generale). I servizi sociali sono esclusi dalla direttiva se sono forniti dallo stato, vi rientrano se sono forniti da altri prestatori come es. soggetti privati operanti senza esser incaricati dallo stato. Quindi in pratica i servizi di interesse economico generale sono una categoria molto basta e varia quindi per Caggiano sarebbe stato meglio escluderla dal campo di applicazione della direttiva generale.

Le procedure non vincolanti e il coordinamento aperto

Alcune disposizioni della direttiva generale rinviano a procedure non vincolanti per la garanzia della qualità dei servizi a beneficio dei destinatari. Inoltre la procedura di valutazione reciproca alla pari delle legislazioni nazionali con una procedura di coordinamento aperto può aggiungere uno strumento di convergenza dei servizi verso un mercato integrato

Direttiva generale in materia di servizi ed i servizi di interesse economico generale ultima modifica: 2012-02-07T22:48:30+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta