Le collaborazioni coordinate e continuative, i fringe benefits, Le spese di produzione del reddito e le trasferte

Le collaborazioni coordinate e continuative

Dopo la legge 342/2000, queste collaborazioni possono essere definite come quelle attività artistico-professionali svolte senza vincolo di subordinazione a favore di uno specifico soggetto da cui il collaboratore riceve una retribuzione prestabilita, senza alcun impiego di mezzi propri. Quindi manca “il vincolo di subordinazione”, in quanto qui si riscontra solo “l’adeguamento funzionale” del collaboratore alle direttive di massima impartite dal committente, con la conseguenza che, nell’ambito di questo rapporto, non sono esercitabili alcuni poteri e diritti tipici del rapporto subordinato. Altro elemento fondamentale è la continuità (cioè la ripetizione nel tempo della stessa prestazione ovvero la reiterazione di prestazioni diverse). Un altro elemento, che però è presente anche nel lavoro dipendente, è quello della retribuzione periodica prestabilita spettante al collaboratore.

 

I fringe benefits (i compensi in natura)

Essi sono dei vantaggi concessi in aggiunta alla normale retribuzione in denaro a favore di certe categorie di lavoratori, per lo più dirigenti. Questi beni/servizi vengono usati dal lavoratore nell’ambito della sua sfera privata e la loro finalità è normalmente quella di incentivarne la produttività (es. auto aziendale). Per la legge questi fringe benefits concorrono alla determinazione del reddito di lavoro dipendente e sono quantificati di regola in base al loro valore normale secondo la definizione ex 9 TUIR. La legge ne esclude la tassazione quando il valore è inferiore a 258,23euro.

 

Le spese di produzione del reddito e le trasferte

Anche il lavoratore per produrre il reddito di lavoro dipendente può sostenere costi/spese (es. spese del trasporto per recarsi sul luogo di lavoro). il legislatore non consente di dedurre le spese sostenute, ma prevede detrazione forfetaria dell’imposta lorda, da rapportarsi al periodo di lavoro dell’anno, la cui entità è determinata applicando complessi calcoli che tengono conto di una serie di variabili, es. entità del reddito, tempo di lavoro ecc.

Le collaborazioni coordinate e continuative, i fringe benefits, Le spese di produzione del reddito e le trasferte ultima modifica: 2012-06-01T20:03:17+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta