I «pagi» e le comunità proto-urbane

La vita sociale nel Lazio precivico si strutturava su più poli essenziali. Vi era la presenza di un numero assai elevato di piccoli nuclei di popolazione, i pagi, composti talvolta di poche capanne e collegati a un’area territoriale molto ristretta.

L’unità dei vari pagi doveva fondarsi sulla presenza di interessi comuni e di tradizioni culturali consolidate. Accanto al culto degli antenati, alle sepolture comuni, a tradizioni e a nuove forme religiose, operavano, come potente fattore di coagulo, soprattutto interessi economici. La gestione in comune o la spartizione dei pascoli, il controllo e lo sfruttamento dei sistemi di comunicazione e dei traffici commerciali, la circolazione e lo sviluppo delle tecniche agricole e la diffusione dei prodotti metallurgici sono elementi che legano fra loro comunità. Di qui la presenza di non pochi centri di culto, di leghe che uniscono insieme più villaggi intorno a qualche centro sacrale comune e che non hanno mai funzioni esclusivamente religiose.

I villaggi laziali, composti di poche capanne ancora nell’VIII secolo, corrispondono al livello di una società tribale, dove gli stanziamenti umani sono caratterizzati da una notevole omogeneità di forme e dall’assenza di forti differenziazioni. Il vincolo che assicura la coesione di tali gruppi è più o meno direttamente fondato i legami di sangue, sull’appartenenza vera o presunta a stirpi e genealogie comuni.

La comunità di villaggio presuppone un vincolo parentale che, successivamente, troverà le in Roma una sua compiuta organizzazione nel sistema della famiglia agnatiziagens. E’ probabile che all’interno del pagus il gruppo fosse organizzato in forme abbastanza semplici; non dovevano essersi ancora verificate notevoli differenziazioni sociali e dovevano quindi prevalere situazioni relativamente paritarie. Ciò sicuramente si sostanziava, all’interno del villaggio, in una serie di ruoli stabiliti in base a elementi «oggettivi» come il sesso, l’età, o al massimo, in base a qualità del tutto personali.

I «pagi» e le comunità proto-urbane ultima modifica: 2013-06-29T11:37:07+01:00 da admin

Lascia un commento