La modifica dei trattati internazionali. Le fonti subordinate al trattato

La modifica dei trattati internazionali

Una situazione diversa dall’emendamento si ha quando alcune soltanto tra le parti di un trattato multilaterale concludono tra di loro un accordo che modifica le disposizioni del trattato stesso.

Mentre l’emendamento ha una portata soggettiva generale, l’accordo modificativo è, invece, già dall’origine inteso come destinato ad applicarsi esclusivamente nei rapporti che intercorrono tra alcune parti ed è solo da queste negoziato.

È molto frequente il caso che il trattato di base nulla preveda al riguardo. In tal caso, l’art. 41 della convenzione di Vienna ammette la possibilità di accordi modificativi tra alcune delle parti solo se si verificano due condizioni: se tali accordi non portano pregiudizio al godimento dei diritti discendenti dal trattato per le altre parti, né all’esecuzione dei loro obblighi; se tali accordi non riguardano una disposizione la cui deroga risulta incompatibile con l’effettiva realizzazione dell’oggetto e dello scopo del trattato nel suo insieme.

 

Le fonti subordinate al trattato   

Esistono alcune fonti consistenti in un rinvio ai vari trattati sotto forma di clausole. Tali atti subordinati ritrovano la loro fonte di produzione nel trattato è quindi assumono la forma tipica da esso indicata. Una prima è la clausola cosiddetta del “trattamento nazionale”, per cui la parte contraente si impegna a riservare ai cittadini dell’altro stato lo stesso regime giuridico praticato per i propri; un’altra, detta della “nazione più favorita” impone alle parti di un trattato di applicare nei rapporti reciproci il regime più favorevole praticato nei confronti di uno Stato terzo. Inoltre non è da dimenticare la possibilità per il giudice di pronunciare per le parti della controversia una sentenza ex aequo et bono. Da queste fonti vanno distinte le cosiddette convenzioni-quadro che fissano una serie di obiettivi corredati da un patto per ulteriori intese che restano formalmente distinte dal primo

Per le norme subordinate vale il diritto dei trattati, per quanto applicabile.

 

La modifica dei trattati internazionali. Le fonti subordinate al trattato ultima modifica: 2017-08-30T17:11:34+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta