Le voci integrative e l’onnicomprensività. Il pagamento della retribuzione

Le voci integrative e l’onnicomprensività

La retribuzione è comunque una struttura com­plessa; alla retribuzione base si aggiungono le voci integrative di diversa natura, attraverso le quali soprattutto si verificano differenziazioni retri­butive tra lavoratori con la stessa categoria e qualifica.

Anzitutto si segnalano gli automatismi retributivi, collegati con l’anzianità, come gli scatti biennali, il cui importo è differen­ziato soprattutto con riguardo alla categorie professionali. Occorre poi indicare le maggiorazioni per lavoro straordinario, notturno, festivo, nella misura fissata dai contratti collettivi, migliorativi di quanto disposto dalla legge.

Le gratifiche rappresentano delle elargizioni spontanea­mente erogate dal datore che da atti di liberalità si trasformano, con la rei­terazione, in obbligazioni la cui fonte è la consuetudine (si pensi alla gra­tifica natalizia che si è trasformata nella tredicesima mensilità).

Le indennità: pluralità, eterogeneità. Le più importanti delle voci ag­giuntive sono le indennità, con le quali il da­tore mira ad ottenere un attaccamento del lavoratore all’azienda; altre in­dennità sono collegate con le modalità di svolgimento della prestazione, come l’indennità di trasferta, che in parte assume il valore di rimborso spese, o l’indennità di mensa, corrisposta in sostituzione del servizio men­sa ed anche come corrispettivo per il disagio dei lavoratori costretti a pranzare fuori dalla loro abitazione.

L’onnicomprensività ai fini civilistici. La retribuzione viene considera­ta nel suo complesso, comprese le indennità non collegate con la presta­zione ed anche con riguardo alla determinazione delle vo­ci integrative della retribuzione.

Onnicomprensività per quelle previste dalla legge. L’orientamento at­tualmente seguito è quello secondo cui per la determinazione delle voci previste direttamente dalla legge – il preavviso, il compenso per le festività infrasettimanali, lo straordinario, il trattamento economico a carico del­l’Inps, ma anticipato dal datore, per il riposo a seguito della donazione del sangue, la retribuzione per i giorni di partecipazione al funzionamento dei seggi elettorali -, si considera la retribuzione globale di fatto, secondo quanto espressamente previsto, con esclusione delle sole indennità di rim­borso spese.

Le indennità previste dai contratti collettivi. Per le voci previste dai contratti collettivi, come la tredicesima o la quattordicesima mensilità, i superminimi, ecc., le maggiorazioni, compresa la retribuzione per il perio­do feriale, si tiene conto di quanto disposto dagli stessi contratti; per il trattamento di fine rapporto esiste una specifica disciplina.

­

Il pagamento della retribuzione

Il pagamento avviene, nei tempi sta­biliti, secondo il principio della postnumerazione, nei locali del datore di lavoro, che costituiscono anche il domicilio del prestatore; si tratta di un credito determinato o determinabile. Può dunque ritenersi che sia un cre­dito liquido ed esigibile, con conseguente esclusione che occorra, dopo la scadenza del termine di pagamento, la messa in mora ai fini degli interessi e della rivalutazione (art. 1219 cc.); se il lavoratore chiede la retribuzione prevista dal contratto su di lui ricade soltanto l’onere della prova dell’esi­stenza del rapporto mentre grava sul datore l’onere di provare l’adempi­mento della propria obbligazione.

Il datore deve tenere, con responsabilità penale, il libro paga, con la specificazione dell’orario, delle retribuzioni, degli assegni al nucleo, delle trattenute. Deve, inoltre, consegnare al pre­statore il prospetto paga, con la specificazione delle diverse voci retributi­ve e la considerazione a parte dello straordinario.

Interessi e rivalutazione, salvo che nel pubblico impiego. In caso di ri­tardo nel pagamento al lavoratore privato vengono pagati, oltre che gli in­teressi, nella misura legale, anche la rivalutazione, che si riferisce agli stessi interessi, secondo quanto disposto dall’art. 429 co. 3 cpc. Il cumulo tra interessi e rivalutazione non si ap­plica, secondo la L. 724/1994, ai pubblici dipendenti per i quali varrebbero le stesse ragioni di finanza pubblica che hanno dato luo­go, per legge, all’esclusione del cumulo tra interessi e rivalutazione per le prestazioni previdenziali (C. cost. 459/2000).

 

Le voci integrative e l’onnicomprensività. Il pagamento della retribuzione ultima modifica: 2018-01-21T19:34:52+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta