La serrata

La serrata è stato il tipico e tradizionale mezzo di lotta sindacale dei datori di lavoro. Essa consiste nella sospensione dell’attività dell’impresa, realizzata da uno più imprenditori, di regola contro gli stessi collettivi dei lavoratori.

La costituzione repubblicana riconosce il diritto di sciopero ma ignora invece la serrata ed esclude ogni possibile equiparazione di quest’ultimo al primo.

Nel nostro ordinamento non può essere configurato un diritto di serrata, mentre esiste un diritto di sciopero.

Non può essere penalmente perseguita la serrata a fini contrattuali,nè la serrata di solidarietà o di protesta.

Il divieto penale di serrata si giustificava, nell’ordinamento corporativo, con esistenza di una magistratura e del lavoro in sede collettiva, competente a risolvere anche le controversie collettive economiche, onde, venuta meno, con quell’ordinamento, anche questa competenza del giudice statale, si deve ritenere che la serrata sia compresa nella libertà del singolo.

La libertà di serrata significa legittimità della serrata esclusivamente confronti dello stato e ne esclude soltanto la perseguibilità sul piano penale. Mancando il riconoscimento di un diritto di serrata, quest’ultima costituisce inadempimento da parte del datore di lavoro degli obblighi derivanti dal contratto di lavoro. Ne consegue che il datore di lavoro che faccia serrata rifiuta illegittimamente la prestazione dei suoi lavoratori ed è tenuto ugualmente retribuirli.

La serrata è un mezzo di lotta sindacale al quale i datori di lavoro fanno ricorso sempre meno frequentemente.

Alla serrata si ricorre quasi esclusivamente nei casi in cui le modalità dello sciopero determinano la impossibilità di gestire l’impresa uno stabilimento. In questi casi, la serrata si esercita nella forma del c.d. ” ritiro della direzione” e cioè nell’abbandono dell’impresa nelle mani di lavoratori illegittimamente scioperanti.

 

La serrata ultima modifica: 2017-06-26T16:03:37+01:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia un commento