Gli elementi accessori della retribuzione e la sua struttura complessa

La retribuzione presenta una struttura composita perché “pur essendo il corrispettivo della prestazione di lavoro può essere utilizzata, a causa della sua intrinseca elasticità, per realizzare determinati scopi aziendali”. Dunque essa si compone di vari elementi, quali:

la paga base, il cui ammontare è fissato dai contratti collettivi per l’orario normale di lavoro, corrispondentemente alle varie categorie e qualifiche.

Ad essa si aggiungono i c.d. scatti di anzianità, aumenti percentuali della retribuzione, previsti dalla contrattazione collettiva, con frequenza generalmente biennale;

le attribuzioni patrimoniali accessorie, previste dai contratti collettivi ed individuali, consistenti, nella maggior parte dei casi, in attribuzioni corrisposte, in aggiunta alla paga base, in maniera saltuaria o, più spesso, continuativa. Rientrano nella categoria:

i superminimi, incrementi collettivi od individuali che corrispondono a quella parte di retribuzione che supera i minimi tariffari;

le maggiorazioni per il lavoro straordinario, notturno e festivo;

i premi di presenza, rivolti a disincentivare l’assenteismo (diverso il caso di premi individuali e gratifiche)

le indennità per compensare l’effettuazione di lavori disagiati, gravosi o comunque considerati penosi rispetto allo standard normale della prestazione

le gratifiche (si pensi, ad esempio, alla tredicesima mensilità);

i premi collettivi di produzione o di rendimento.

Un cenno a sé merita l’indennità di contingenza, istituto volto a correggere, almeno in parte, la natura della retribuzione come credito di valuta e, quindi, ad adeguarne il valore nominale a quello reale. Il sistema si è basato, fin dall’origine, sulla c.d. scala mobile, meccanismo che comporta un adeguamento automatico del livello retributivo al costo della vita attraverso il riferimento alle variazioni dei prezzi di particolari beni costituenti il c.d. paniere. Tuttavia, a partire dalla metà degli anni Settanta, l’istituto della scala mobile è entrato in crisi e, dopo vari interventi legislativi, è stato soppresso con il protocollo triangolare di intesa tra Governo e parti sociali del 31 luglio 1992.

 

 

Gli elementi accessori della retribuzione e la sua struttura complessa ultima modifica: 2017-07-17T16:07:23+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta