Il concorde riferimento alla delega

Si ribadisce dunque la conclusione: per poter qualificare un ‘ipotesi rispettivamente come delegazione o espromissione occorre che nel negozio tra delegato o espromittente e credito re (delegatario o espromissario) rispettivamente vi sia o non vi sia il concorde riferimento alla delega.

Il “concorde riferimento”, precisa CICALA, è necessario indipendentemente dall’effettiva esistenza della delega stessa:

1) se infatti il riferimento non c’è, si sarà per forza in presenza di un’espromissione;

2) se invece il concorde riferimento c’è, ma la delega è inesistente, si avrà una delegazione invalida, sanabile attraverso la ratifica.

Commettono un errore, secondo CICALA, siala DOTTRINA DOMINANTEchela GIURISPRUDENZA:

1-La DOTTRINA suggerendo all’ interprete di ricercare la “delegazione” nell’ accezione di iniziativa del debitore originario ( delegante);

2-La GIURISPRUDENZA qualificando la delegazione come contratto plurilaterale.

Il concorde riferimento alla delega ultima modifica: 2013-04-26T17:47:59+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta