La fase della Stagnazione (dal 1936 al 1985), la morte di Stalin (1953) e la nuova Costituzione (1977)

La fase della STAGNAZIONE (dal ’36 al ’85): forte accentramento del potere, forte controllo sociale. Stalin sviluppa l’idea di concentrare il socialismo in un unico paese; questo aveva portato ad estraniare l’US dalle grandi questioni internazionali. Questa situazione permane fino alla IIGM. Il ruolo del partito diventa sempre più incisivo e importante, c’è la figura del segretario del partito, ruolo ricoperto da Stalin, che ricopre anche la carica di capo dello stato. Partecipa al secondo conflitto mondiale, al termine del quale, l’US si allarga con l’annessione della repubblica baltica, di una parte della Romania (parte orientale), nascita della Moldavia, che diventerà repubblica federale. Le truppe sovietiche erano giunte fino a Berlino e questo influenzerà anche il potere dell’US. Nascita delle DEMOCRAZIE POPOLARI nel ’40, accoglievano il modello socialista. Già nel ’47 viene creato l’ufficio di collocamento dei partiti comunisti. La Jugoslavia socialista, nata con Tito nel ’46, si ripropone fin da subito di cercare una via diversa, una certa differenziazione dal socialismo. Già nel ’48 il partito jugoslavo è espulso dal KORINGFORT (dall’ufficio).

Due tappe fondamentali:

1) 1953: morte di Stalin. Il successivo segretario del partito, CHRUSCEV (‘53-64), tenterà di reintrodurre il principio collegiale. Importante denuncia del ’56 nel XX Congresso del partito, denuncia dei crimini staliniani, prende quindi la distanza da Stalin. Proprio per questa apertura Chruscev verrà destituito. La carica verrà data a BREZNEV, con cui ci sarà di nuovo u forte centralismo del potere. Nel ’77 diverrà presidente del presidium. Sempre con Breznev viene esplicitata quella che è definita come SOVRANITÀ LIMITATA, cioè la possibilità d’intervento nei confronti della democrazia popolare (dottrina di Breznev). Con la morte di Stalin si discute ad una nuova costituzione, ma si arriverà ad approvare la nuova costituzione solo nel ’77, costituzione che rimarrà in vigore fino alla risoluzione dell’US (’91);

2) Costituzione del ’77: non modifica la struttura, prevede però alcune norme di rilievo. Presenza in questa costituzione di un preambolo, che richiama le tappe fondamentali dello stato socialista (dalla rivoluzione d’ottobre fino alla consolidazione dello stato socialista in US). Si afferma che questa società è l’”AUTENTICA DEMOCRAZIA”, modello alternativo dello stato democratico-sociale. Vi è l’idea che lo stato socialista sia la fase transitoria in vista della nascita della società comunista, fine ultimo. Questa costituzione rappresenta un po’ il programma: fissa gli obiettivi della legislazione successiva.

La fase della Stagnazione (dal 1936 al 1985), la morte di Stalin (1953) e la nuova Costituzione (1977) ultima modifica: 2013-01-24T19:10:38+01:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia un commento