La soppressione dei controlli fiscali alle frontiere tra stati membri

Il divieto di dazi doganali e di tasse di effetto equivalente ha  comportato anche la soppressione dei controlli fiscali sulle merci in transito  alle frontiere intercomunitarie.

L’abolizione di tali controlli ha favorito sia  la libera circolazione delle merci che delle persone le quali possono infatti  introdurre senza limiti in uno stato membro i prodotti acquistati in un altro  stato membro. Le imposte indirette su tali prodotti sono pagate nello stato  d’acquisto purchè esse siano destinate ad uso personale e non al commercio.

Le  norme comunitarie stabiliscono alcuni criteri per valutare l’uso personale dei  prodotti come lo status commerciale di chi li detiene, la natura e la quantità  dei prodotti. Questo regime spiega perché i viaggiatori che in aereo o nave si  spostano da uno stato membro all’altro non possono più avvalersi dei vantaggi  fiscali offerti dai duty free. Si dimostra anche lo stretto legame tra la  libera circolazione delle merci e le disposizioni comunitarie in tema di  politica fiscale.

La soppressione dei controlli fiscali alle frontiere tra stati membri ultima modifica: 2013-06-17T21:47:25+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta