Riduzione o mantenimento in servitù

Consiste nel fatto di chiunque riduce o mantiene una persona in uno stato di soggezione continuativa, costringendola a prestazioni lavorative o sessuali ovvero all’accattonaggio o comunque a prestazioni che ne comportino lo sfruttamento (art. 600 co. 1):

  • il soggetto attivo è chiunque (reato comune);
  • il soggetto passivo (v. riduzione o mantenimento in schiavitù);
  • circa l’elemento oggettivo, la condotta consiste:
    • nel ridurre una persona in uno stato di soggezione continuativa, ossia nel porre nello stato di completa dipendenza e sottomissione una persona prima di stato libero;
    • (alternativamente) nel mantenere una persona nel suddetto stato, ossia nel continuare a protrarre lo stato di soggezione posto in essere da altri.

Nel caso di riduzione e mantenimento ad opera dello stesso soggetto sussiste un solo reato, perché la riduzione implica quanto meno un minimo di mantenimento;

  • nel costringere la persona, ridotta o mantenuta in schiavitù, a prestazioni lavorative o sessuali, all’accattonaggio o comunque a prestazioni che ne comportino lo sfruttamento;

La condotta in esame risulta essere a forma vincolata, poiché la riduzione o il mantenimento nello stato di soggezione ha luogo quando la condotta è attuata mediante violenza, minaccia, inganno, abuso di autorità o approfittamento di una situazione di inferiorità fisica o psichica o di una situazione di necessità, o mediante la promessa o dazione di somme di denaro o di altri vantaggi a chi ha autorità sulla persona (co. 2);

  • circa l’elemento soggettivo, trattasi di reato a dolo generico, non richiedendo l’art. 600 alcun fine specifico, ma soltanto la coscienza e volontà di ridurre o mantenere una persona in stato di soggezione continuativa, di attuare tale stato mediante mezzi tassativamente determinati (es. violenza, minaccia) e di costringere tale persona a determinate prestazioni;
  • l’oggetto materiale è il corpo della persona su cui vengono compiuti gli atti di servitù;
  • l’oggetto giuridico è lo status libertatis;
  • l’evento è triplice, poiché le suddette condotte debbono essere causa:
    • dell’acquisto o del perpetrato stato di soggezione continuativa della vittima;
    • dell’altrui stato di coazione psichica della vittima stessa, finalizzato alle prestazioni lavorative;
    • dell’espletamento delle prestazioni lavorative (es. lavori forzati) e sessuali (es. prostituzione), dell’accattonaggio e comunque delle prestazioni comportanti lo sfruttamento della vittima (clausola di chiusura);
    • l’offesa è la perdita, di diritto o di fatto, totale o parziale, dello status libertatis (reato di danno). Tale reato di danno, peraltro, si dice permanente, in quanto attiene ad un bene, quello della libertà, capace di tornare integro al cessare dell’offesa;
    • la perfezione si ha nel momento e nel luogo in cui il soggetto, ridotto o mantenuto in stato di soggezione, sufficientemente protratta, effettua coattivamente anche una sola delle suddette prestazioni (elemento continuativo riferito non alle prestazioni ma allo stato di soggezione) (reato permanente). La consumazione e la conseguente cessazione della permanenza si hanno nel momento in cui cessa la condotta volontaria del mantenimento della persona in servitù. Il tentativo risulta essere configurabile.
Riduzione o mantenimento in servitù ultima modifica: 2012-07-08T18:39:29+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta