L’organizzazione degli imprenditori in generale, la Confindustria e le organizzazioni sindacali a livello internazionale e comunitario

L’organizzazione degli imprenditori in generale

L’organizzazione degli imprenditori è un fenomeno storicamente indotto, o di risposta, rispetto al sindacato dei lavoratori e ne riproduce i tratti organizzativi generali: doppia linea organizzativa, prevalenza delle strutture orizzontali, tradizionale accentramento.

CONFINDUSTRIA = organizzazione imprenditori industriali

CONFCOMMERCIO = organizzazione imprenditori del commercio

CONFAGRICOLTURA = organizzazione imprenditori dell’agricoltura

Organizzazioni delle imprese a partecipazione statale = Intersind (imprese del gruppo IRI) – Asap (imprese del gruppo ENI).

L’Aran (Agenzia per la rappresentanza negoziale) ha due scopi:

a) sostituire le varie delegazioni di parte pubblica, politicizzate e precarie, con un’unica controparte, tecnica e stabile;

b) contribuire a dare piena efficacia alla contrattazione collettiva ormai di diritto comune.

 La Confindustria

La Confindustria è l’organizzazione imprenditoriale più consistente: le imprese associate operano nell’industria e nel cosiddetto terziario avanzato (trasporti, comunicazioni, turismo). Più della metà delle imprese rappresentate impiegano meno di 10 dipendenti. Le strutture portanti (orizzontali) sono le associazioni territoriali (più o meno una provincia); a queste fanno capo tutte le imprese della provincia, che spesso non aderiscono alla loro organizzazione (verticale) di categoria. La principale attività svolta dalle associazioni territoriali è l’assistenza fornita alle aziende in materia di contrattazione, applicazione dei contratti e delle leggi sul lavoro e composizione delle controversie relative. Le federazioni di categoria (di cui la Federmeccanica è la più importante) svolgono un ruolo significativo nella preparazione e conduzione delle tornate contrattuali nazionali, nonché nell’indirizzo della contrattazione decentrata. La struttura organizzativa della Confindustria (assemblea, giunta, consiglio direttivo e presidente) la rende simile ad una associazione; sono previsti tre comitati particolari, con funzioni consultive (comitato per le piccole imprese; comitato per il mezzogiorno; comitato dei giovani industriali). Decisivo è il ruolo della presidenza.

 Organizzazioni sindacali a livello internazionale e comunitario

La CISL (Confederazione Internazionale dei Sindacati Liberi) è l’organizzazione sindacale internazionale più rappresentativa dei lavoratori. A livello verticale si sono sviluppate federazioni internazionali di categoria, con compiti di coordinamento dell’azione sindacale. La CES (Confederazione Europea dei Sindacati) rappresenta oltre trenta organizzazioni. Non esistono centrali internazionale degli imprenditori paragonabili a quelle dei lavoratori: gli imprenditori sono rappresentati all’OIL. L’UNICE (Unione delle Industrie della Comunità europea) raggruppa le organizzazioni padronali dei paesi membri per settori di attività.

L’organizzazione degli imprenditori in generale, la Confindustria e le organizzazioni sindacali a livello internazionale e comunitario ultima modifica: 2013-01-07T19:40:34+01:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia un commento