La dottrina e la giurisprudenza della disciplina dello sciopero

I distinzione: il diritto di sciopero sarebbe soggetto a limiti circa il titolare, il comportamento attuativo, il fine perseguito: limiti cosiddetti coessenziali, perché connaturati al concetto di sciopero assunto a referente del riconoscimento medesimo all’interno del testo costituzionale e dell’intero ordinamento; limiti cosiddetti d’esercizio, perché appunto relativi all’esercizio.

II distinzione (radicata nella I): limiti interni, desumibili dal concetto di sciopero recepito nell’art. 40; limiti esterni, desumibili dal contemperamento fra diritto di sciopero e altro diritto costituzionalmente tutelato a livello identico o superiore. Evoluzione del diritto di sciopero in Italia:

a) Sciopero prima inteso come fatto straordinario, poi come strumento di garanzia sociale per l’ordinamento intersindacale, infine strumento di influenza e partecipazione nella determinazione della politica nazionale ed aziendale.

b) Diversa attitudine verso l’attività interpretativa svolta.

c) Nuova definizione della fattispecie “sciopero-fatto” (sciopero visto come fenomeno sociale) e “sciopero-diritto” (lo sciopero visto come diritto).

d) Nuova ricostruzione dogmatica del diritto di sciopero.

e) Nuova disciplina della titolarità e dell’esercizio del diritto di sciopero.

La dottrina e la giurisprudenza della disciplina dello sciopero ultima modifica: 2013-01-11T20:37:25+01:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia un commento