Il potere disciplinare

L’inosservanza delle disposizioni dettate dal legislatore in tema di diligenza e fedeltà del prestatore di lavoro (artt. 2104 e 2105, c.c.) può dar luogo all’irrogazione da parte del datore di sanzioni disciplinari, proporzionate alla gravità dell’infrazione (art. 2106, c.c.). La tipologia delle sanzioni previste dai contratti collettivi è divenuta, con il passare del tempo, sempre più complessa. Le sanzioni disciplinari oggi irrogabili sono, in ordine crescente di gravità:

l’ammonizione, verbale o scritta;

la multa (per un importo non superiore a 4 ore della retribuzione base);

la sospensione dal lavoro e dalla retribuzione (per non più di 10 giorni);

il licenziamento disciplinare.

Sono illecite, invece, quelle sanzioni che determinano un mutamento definitivo del rapporto di lavoro (ad esempio, la retrocessione, che però è ammessa nel settore degli auto-ferrotranvieri). L’irrogazione delle sanzioni è espressione del potere disciplinare del datore, nel quale la dottrina dominante ravvisa un potere autoritativo, unilaterale e punitivo, previsto in via del tutto eccezionale nell’ambito dei rapporti tra privati e che trova la sua ratio nel vincolo di subordinazione tecnico-funzionale del lavoratore; le sanzioni disciplinari vengono configurate quali speciali pene private, che adempiono però ad una funzione non risarcitoria, ma preventiva.

 

I limiti sostanziali e procedurali al potere disciplinare

Il potere disciplinare trova oggi la sua principale fonte di regolamentazione, oltre che nel Codice Civile e nella sentenza della Corte costituzionale n. 204 del 29 novembre 1982, nell’art. 7 dello Statuto dei lavoratori. Tale articolo, al fine di tutelare la libertà e la dignità dei prestatori, limita notevolmente l’esercizio del potere disciplinare, depotenziando, in tal modo, l’autorità del datore come capo dell’impresa. In particolare, esso afferma due principi fondamentali:

quello della predeterminazione e della pubblicità del codice disciplinare, che comporta che le norme disciplinari, conformi a quanto stabilito dai contratti collettivi e relative alle sanzioni, alle infrazioni in relazione alle quali ciascuna di esse può essere applicata ed alle procedure di contestazione delle stesse, devono essere portate a conoscenza dei lavoratori mediante affissione in luogo accessibile a tutti;

quello del contraddittorio, che esclude la possibilità per il datore di irrogare sanzioni disciplinari senza aver prima contestato per iscritto l’addebito al lavoratore ed avergli consentito l’eventuale discolpa. Per la disciplina specifica della procedura di contestazione e di discolpa si rinvia ai co. II, III e IV dell’art. 7 dello Statuto, che sono da integrare con le norme contenute nei contratti collettivi e con la prassi aziendale. La procedura di contestazione, inoltre, deve rispettare il principio dell’immediatezza, cioè essere tale da consentire al lavoratore un’effettiva difesa, anche a mezzo di rappresentanti sindacali.

La fase procedurale della contestazione e della discolpa si svolge davanti al datore, che non è terzo, ma parte in causa e che è chiamato ad applicare la sanzione se reputa insufficiente la discolpa del lavoratore. L’imparzialità dell’organo è invece prevista per la fase eventuale e successiva dell’impugnativa della sanzione, che, ai sensi dell’art. 7, co. VI, St. lav., può avvenire mediante:

ricorso all’autorità giudiziaria;

ricorso al collegio di conciliazione ed arbitrato, la cui costituzione, tramite l’ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, è promossa dallo stesso lavoratore al quale sia stata applicata una sanzione disciplinare, nei venti giorni successivi;

procedure arbitrali analoghe previste dalla contrattazione collettiva.

Sul piano dei limiti sostanziali, sono escluse sanzioni che possano comportare mutamenti definitivi del rapporto, ad eccezione del licenziamento; perciò sono da ritenersi esclusi la retrocessione, il trasferimento e simili.

Ultimo limite è la recidiva: il lavoratore non può essere considerato recidivo (quindi subire maggiori sanzioni) a distanza di più di 2 anni dall’inadempimento commesso.

 

Il potere disciplinare ultima modifica: 2017-07-17T13:52:31+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta