Le origini delle teorie della rappresentanza politica

Due sono gli indirizzi fondamentali:

1. vede l’assetto centrale del rappresentare nell’elaborazione di un interesse generale trascendente quello di particolari cerchie di elettori o gruppi sociali

2. la volontà popolare non può trascendere dall’articolarsi del popolo reale in gruppi, associazioni, categorie.

Tra queste due prospettive teoriche lo stato liberale rappresentativo ha nettamente privilegiato la prima. Burkel nel suo Discorso agli elettori si ispirava ad un parlamento composito nel quale confluivano i diversi strati della società, e la sua onnipotenza non era la separatezza che si sarebbe delineata più tardi.

Vi era l’idea che l’indipendenza del deputato presupponesse il riconoscimento che i luoghi della rappresentanza fossero i luoghi di mediazione politica del tessuto pluralistico.

Nel costituzionalismo francese la riflessione sulla rappresentanza approdò ad una definitiva separazione del “governement by discussion” dal tessuto pluralistico della società. E la volontà dei rappresentanti coincide con la volontà della nazione.

Teorie della rappresentanza senza vincoli di mandato = era una finzione strumentale al rafforzamento di un assetto oligarchico, ma esprimeva perfettamente l’obiettivo di unificazione del processo politico che lo stato liberale rappresentativo perseguiva.

Corollari della teoria del mandato libero = la rappresentanza non da luogo ad alcuna relazione giuridica tra rappresentanti e corpo elettorale, ma ai primi conferisce un potere. Le elezioni esprimono solo una scelta basata sul valore personale del rappresentante. Non vi è alcun legame necessario tra rappresentanza e rappresentatività.

Rappresentanza = designazione di capacità attraverso la scelta di coloro che vengono investiti di pubbliche funzioni.

Rappresentatività = congegno di formazione degli organi dello Stato.

Nell’ esperienza statunitense la rappresentanza viene intesa come modulo di comunicazione tra coloro che rappresentano e coloro che vengono rappresentati. Ed essa è elemento del processo democratico e di formazione della volontà popolare.

Le origini delle teorie della rappresentanza politica ultima modifica: 2013-11-01T22:54:02+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta