Le fonti di secondo grado

Le fonti aventi un’efficacia subordinata a quella della legge formale: sono i regolamenti governativi, che, anche se successivi, non possono derogare alle leggi e agli atti aventi valore formale di legge

Regolamenti aventi efficacia sostanziale (ma non formale) di legge: a) sia i regolamenti inerenti una materia non disciplinata dalla legge; b) che i regolamenti autorizzati, vale a dire quei regolamenti che una legge autorizza, appunto, a derogare a leggi precedenti

Regolamenti statali non governativi: sono i regolamenti ministeriali e interministeriali, e sono subordinati sia alle leggi e agli atti aventi valore formale di che ai regolamenti governativi

Statuti degli enti territoriali: sono gli Statuti delle Province e dei Comuni ….non solo sono subordinati alle leggi e agli atti aventi valore formale di legge, ma devono altresì essere emanati nell’ambito dei principi fissati dalla legge

Regolamenti degli enti territoriali: sono i regolamenti di Regioni, Province e Comuni e, sono subordinati non solo alle leggi e agli atti aventi valore formale di legge, ma anche agli Statuti degli enti medesimi

Statuti e regolamenti degli enti pubblici non territoriali: sono gli Statuti e i regolamenti di quegli enti pubblici diversi da Regioni, Province e Comuni (es. Camere di commercio)

Le fonti di secondo grado ultima modifica: 2013-05-10T17:26:00+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta