I requisiti di validità del marchio

Il marchio, per essere tutelato giuridicamente, deve rispondere a requisiti di liceità, verità, originalità e novità.

Requisito di liceità

il marchio non deve contenere segni contrari alla legge, all’ordine pubblico e al buon costume, stemmi o altri segni prodotti da convenzioni internazionali. Per l’uso del nome di una persona o del suo pseudonimo è necessario il consenso dell’interessato o anche dei suoi eredi.

Principio di verità

Nel marchio non devono essere inseriti segni idonei ad ingannare il pubblico sulla natura e sulla qualità dei prodotti. Il marchio deve essere inoltre originale, in modo da consentire l’individuazione dei prodotti contrassegnati fra tutti i prodotti dello stesso genere immessi sul mercato.

Principio di originalità

Il marchio deve essere originale e distinguibile; il legislatore predetermina segni privi di capacità    distintiva:

Non possono essere perciò utilizzati come marchi, in quanto privi di capacità distintiva:

a)                 denominazione generiche del prodotto o del servizio (es. calzature)

b)                 le indicazioni descrittivi dei caratteri essenziali e della provenienza geografica del prodotto (ad esempio si è escluso che l’espressione brillo possa essere usata come marchio per prodotti lucidanti)

c)                 i segni divenuti di uso comune nel linguaggio corrente, come le parole super, extra, lusso

Possiamo poi distinguere marchi deboli, facilmente confondibili con altri marchi, e marchi forti, dotati di accentuata capacità distintiva.

Novità: il marchio non deve essere usato da altri imprenditori generando confusione fra i consumatori. Possiamo poi distinguere tra marchi ordinari e marchi celebri.

I requisiti di validità del marchio ultima modifica: 2013-07-10T18:00:52+01:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia un commento