Nozione e funzione del marchio

Esso è disciplinato sia dall’ordinamento nazionale sia da quello comunitario ed internazionale.

Il marchio nazionale è regolato dagli artt. 2569-2574 del codice civile e dal codice della proprietà industriale (d.lgs. n. 30 del 10/02/2005, sostitutivo del r.d. n. 929/1942, legge marchi). Inoltre, la disciplina nazionale sui marchi è stata più volte modificata in attuazione delle direttive comunitarie e degli accordi internazionali.

Il marchio comunitario è stato istituito con il regolamento CE n. 40/94 del 20/12/1993. La relativa disciplina permette di ottenere un marchio unico, regolato e tutelato in tutti i paesi dell’Unione Europea.

Il marchio internazionale è disciplinato da due convenzioni internazionali, la Convenzione di Parigi del 1883 e l’Accordo di Madrid del 1891, recentemente integrato dal Protocollo di Madrid del 1989.

 Tali normative, basate sulla registrazione del marchio (nazionale, comunitaria, internazionale), riconoscono al titolare del marchio, il diritto all’uso esclusivo dello stesso, così permettendo che il marchio assolva la sua funzione di identificazione e differenziazione dei prodotti similari esistenti sul mercato.

Il marchio costituisce perciò il principale simbolo di collegamento fra produttori e consumatori e svolge quindi un ruolo centrale nella formazione e nel mantenimento della clientela.

Il marchio è anche indicatore della provenienza del prodotto da una fonte unitaria di produzione.

Dopo la riforma del 1992, è caduto il divieto di circolazione del marchio separatamente dall’azienda e soprattutto si è riconosciuta la legittimità del co-uso di uno stesso marchio da parte di più imprenditori concorrenti, sulla base di una licenza di marchio non esclusiva concessa dal titolare dello stesso.

I co-utenti di uno stesso marchio sono tenuti ad assicurare l’omogeneità dei caratteri essenziali e della qualità dei prodotti dello stesso tipo contraddistinti dal marchio comune in modo da evitare che il pubblico sia tratto in inganno.

Fra le funzioni del marchio non può comprendersi quella di garanzia della qualità dei prodotti. Non vi è alcuna norma che assolva una funzione di garanzia della qualità dei prodotti o che vieti al produttore variazioni qualitative della propria produzione.

È dato comune che certi marchi finiscono con l’assumere un’autonoma forza attrattiva dei consumatori. È comprensibile perciò l’interesse dei titolari di marchi celebri a contrastare l’uso degli stessi da parte di altri produttori, anche per prodotti diversi da quelli da loro immessi sul mercato.

Mentre in passato tale interesse è stato ignorato dalla legge, l’attuale disciplina ha recepito la distinzione fra marchi ordinari e marchi celebri, estendendo per quest’ultimi la tutela oltre i limiti segnati dalla necessità di evitare confusione fra prodotti affini, dando così riconoscimento giuridico alla funzione attrattiva degli stessi.

 

I tipi di marchio

I marchi possono essere classificati secondo diversi criteri. Una prima distinzione si basa sulla natura dell’attività svolta dal titolare del marchio, detto marchio di fabbrica e di commercio.

Altra distinzione è quella fra marchio generale e marchi speciali a seconda che l’imprenditore utilizzi un solo marchio per tutti i prodotti (marchio generale) o più marchi per differenziare i diversi prodotti della propria impresa (marchi speciali). La fantasia dell’imprenditore può liberamente esplicarsi nella composizione del marchio. Il marchio può essere costituito, anche solo da parole (marchio denominativo) e può coincidere con la stessa ditta o con il nome civile dell’imprenditore. Inoltre, può essere costituito, anche o esclusivamente, da figure, lettere, cifre, disegni, o colori (marchio figurativo) ed anche da suoni (ad es. un breve motivo musicale).

Il marchio può essere costituito anche dalla forma del prodotto o dalla confezione dello stesso (marchio di forma o tridimensionale). Ad esempio, la particolare forma di una bottiglia di liquore. Un tipo di marchio è infine il marchio collettivo che si distingue dal marchio di impresa in quanto il suo titolare è un soggetto che svolge la funzione di garantire che il prodotto contrassegnato presenti origine, natura e qualità determinate (es. pura lana vergine, prosciutto di Parma).

 

Nozione e funzione del marchio ultima modifica: 2017-07-12T08:54:12+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta