Limiti ai poteri dell’assemblea delle società per azioni

Nell’esercizio dei suoi poteri l’assemblea incontra vari limiti:

  • da un lato è tenuto all’osservanza delle norme inderogabili, relative al funzionamento della società, e di quelle derogabili, fintanto che non siano derogate.
  • dall’altro deve rispettare le norme poste a tutela gli interessi particolari dei creditori sociali e dei singoli azionisti.

Queste ultime norma rappresentano la difesa dell’azionista di fronte alla volontà della maggioranza e danno luogo ai cosiddetti diritti individuali del socio, la cui delimitazione è piuttosto controversa (es. diritto alla parità di trattamento).

 Diversa questione è se il socio possa consentire ad una modificazione in negativo della propria posizione. La logica vorrebbe che, a patto che si trattasse di diritti disponibili, questo fosse possibile e che il consenso necessario fosse individuale. Per i diritti appartenenti ad una determinata categoria di azioni (diritti prioritari), tuttavia, la modificazione può essere approvata anche a maggioranza dai soci della categoria interessata.

Rimane comunque il dubbio su quali siano i diritti individuali disponibili (es. non può rinunziarsi al diritto di intervenire in assemblea, al diritto di recesso, al diritto di impugnare la deliberazione).

 Due sono le principali tematiche di discussione:

  • se l’assemblea incontri un limite ai suoi poteri nell’oggetto sociale, questione che viene risolta tendenzialmente in negativo, dal momento che la legge prevede la possibilità della modifica o del cambiamento del medesimo.
  • se l’assemblea incontri un limiti ai suoi poteri nella necessità di perseguire l’interesse sociale, questione che viene risolta in negativo, perché la valutazione di ciò che risponde all’interesse sociale è rimessa all’apprezzamento discrezionale ed insindacabile dell’assemblea (caso particolare art. 2441 co. 5).

Due elementi che, al contrario, limitano senza discussioni i poteri dell’assemblea sono:

  • la valutazione del bilancio, dato che la legge vuole che da esso emergano in modo veritiero e corretto la situazione finanziaria delle società e il risultato economico dell’esercizio.

le attribuzioni dell’organo esecutivo (consiglio di amministrazione), dal momento che esso ha una competenza esclusiva in materia di gestione, e quindi un’ingerenza dell’assemblea in questo campo è possibile soltanto sotto forma di autorizzazione.

Limiti ai poteri dell’assemblea delle società per azioni ultima modifica: 2012-08-30T15:40:12+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta