Diritto degli accomandanti di trattenersi gli utili riscossi in buona fede

Gli accomandanti non sono tenuti alla restituzione degli utili riscossi in buona fede secondo il bilancio regolarmente approvato (art. 2321).

È quindi necessario che ricorrano le seguenti condizioni:

  • che dal bilancio risultino degli utili.
  • che gli accomandanti li abbiano riscossi.

La legge si arresta solo di fronte al fatto compiuto, quindi, se gli utili non sono ancora stati distribuiti, è possibile, ratificando il bilancio, impedirne la distribuzione.

  • che vi sia un bilancio regolarmente approvato.
  • che al momento della riscossione essi fossero in buona fede.

Se, al contrario, la riscossione è avvenuta in mala fede o senza che gli utili risultassero da bilancio regolarmente approvato, allora è ammesso l’obbligo alla restituzione.

Poiché la distribuzione di utili fittizi è un illecito degli amministratori, è da ritenere che essi siano tenuti a risarcire il danno subito dalla società.

Diritto degli accomandanti di trattenersi gli utili riscossi in buona fede ultima modifica: 2012-08-28T18:17:00+01:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia un commento