Il diritto amministrativo secondo Cassese

Il diritto amministrativo è quel ramo del diritto che disciplina la pubblica amministrazione e i suoi rapporti con i privati. (esempio: le norme sull’organizzazione dei ministeri, sugli enti pubblici, sulle sovvenzioni pubbliche a privati, sui servizi pubblici erogati alla collettività, ecc).

Non tutta l’attività della pubblica amministrazione è regolata dal diritto amministrativo: quando stipula contratti di appalto o di società, la pubblica amministrazione si vale delle norme del codice civile e, quindi, utilizza il diritto privato.

Le caratteristiche del diritto amministrativo sono: è un diritto composito, statale, regionale e ultrastatale e speciale. Per lungo tempo si è ritenuto che il diritto amministrativo fosse un diritto statale e speciale, sulla base di due considerazioni distinte:

-           In primo luogo, perché, di regola, si considerava la pubblica amministrazione legata al governo nazionale e soggetta a leggi emanate dal Parlamento. Tuttavia, negli ultimi cinquanta anni, sono intervenuti alcuni cambiamenti: l’ordinamento giuridico italiano è entrato a far parte di un più vasto ordinamento sopranazionale, quello dell’Unione europea; si sono sviluppati ordinamenti globali, aperti a tutti gli Stati; sono state istituite le regioni, alle quali è stata trasferita la competenza legislativa in ordine a numerose materie, tutte relative al diritto amministrativo (ad esempio, governo del territorio, turismo, agricoltura, trasporti). A causa di tali mutamenti, l’ordinamento italiano è divenuto composito, nel senso che la sua disciplina non è più esclusivamente statale, che la sua organizzazione si innesta su quella sopranazionale europea e su quella mondiale, che le sue procedure sono in parte nazionali, in parte sopranazionali o globali, che il diritto amministrativo ha ora anche una componente regionale.

-           In secondo luogo, perché l’amministrazione dispone di poteri che eccedono quelli che risultano dalle normali regole applicabili nei rapporti tra privati e perché, di conseguenza, nel diritto amministrativo sono presenti istituti, regole, rapporti diversi da quelli propri del diritto privato. Di conseguenza, il diritto amministrativo è speciale in quanto esso è misto o composto sia di norme e principi di diritto pubblico, sia di norme e principi di diritto privato.

In conclusione, oggi, il diritto amministrativo presenta un carattere composito, sia perché è in parte statale, in parte ultra statale ed in parte regionale, sia perché ha una parte pubblicistica e una privatistica.

Il diritto amministrativo secondo Cassese ultima modifica: 2013-03-06T20:12:57+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta