Pubblico e privato nel servizio

A questo punto dobbiamo porci i seguenti questi: quando un servizio può essere definito pubblico? Perché è pubblico il servizio reso nell’ ambulatorio di un ospedale pubblico e non lo è quello reso in uno studio medico privato? Nel cercare di rispondere a queste domande, la dottrina francese, che ha dedicato al tema in esame un’ attenta analisi, ha identificato il servizio pubblico come quell’ attività la cui esplicazione deve essere assicurata, regolata e controllata dai governanti, in quanto indispensabile alla realizzazione e allo sviluppo dell’ interdipendenza sociale e che è di natura tale da non poter essere completamente realizzata se non con l’ intervento della forza di governo (Duguit).

Questa definizione mette in luce due elementi:

• il dovere di esplicare l’ attività; un dovere che, a sua volta, si fonda sul fatto che le prestazioni in cui l’ attività si concreta sono indispensabili allo sviluppo della società (indispensabili, cioè, alla realizzazione del pubblico interesse);

• l’ impossibilità che l’ attività possa essere svolta da un soggetto diverso dal pubblico potere (i governanti).

Questa simbiosi tra natura pubblica dell’ interesse da soddisfare e natura pubblica del soggetto abilitato ed obbligato a soddisfarlo ha rappresentato la base per lo sviluppo dei servizi pubblici in Europa (si pensi, ad es., alle  poste, alle ferrovie o alla telefonia).

Pubblico e privato nel servizio ultima modifica: 2014-02-05T19:00:16+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta