L’analogia da un caso all’altro nel percorso dal torto all’inadempimento

Il Common Law originario aveva rimedi adatti a fronteggiare l’inadempimento delle obbligazioni contrattuali ma essi erano caratterizzati dall’arcaismo tipico dei writs nella forma praecipe.

Writ of covenant → contratto in generale

writ of debt → adempimento di obbligazioni

In entrambi la procedura contemplava il giuramento decisorio del convenuto confermato da quello di 12 testi (testimoni) addotti dal medesimo convenuto (wager of Law) che però era ormai poco sensato essendo agevole reclutare sfaccendati pronti a prestare falso giuramento. altro problema era ricostruire i termini dell’accordo per capire se era stato adempiuto o no. Si adottò quindi di ammettere azioni per cui l’attore portava un documento scritto e munito di sigillo. Si ha quindi l’assunzione della forma scritta con sigillo per le obbligazioni ma rimanevano esclusi gli accordi contrattuali che non erano in forma scritta.

Si dovette procedere all’adattamento dei writs più flessibili e dotati i una procedura più moderna cioè quelli derivati dal Trespass. Nel diritto civile italiano si ha il cumulo della forma di responsabilità contrattuale e extracontrattuale. Poiché nel Common Law agire nella responsabilità contrattuale era penalizzante, ci si rivolge nell’ottica degli illeciti extracontrattuali (torts): trespass on the case. Es. se un maniscalco deve ferrare un cavallo e distrattamente conficca un chiodo nella carne del cavallo, azzoppandolo, si agisce con il trespass on the case perché si ha invasione illecita bella sfera giuridica altrui.

Questa cosa però rischia di creare problemi di gestione dei limiti di applicabilità e quindi i giuristi inglesi si convinsero che anche ‘ipotesi di non feasance poteva essere repressa con un rimedio dal trespass. Es. debitore inadempiente che raggira il creditore deluso → la vittima della frode otteneva a titolo di danno la restituzione del pagato e il danno sofferto, che comprendeva anche la il lucro cessante. Era solo per calarla nello stampo del writ of trespass on the case che quest’ottica viene distorta e torturata.

Rimaneva il dubbi di applicabilità in caso che le due parti avessero solo programmato le due controprestazioni → la questione si risolve per nel Slade’s Case: Slade si accorda con Morley per vendergli il raccolto a un prezzo prefissato, ma Morley non aveva fatto promessa unilaterale di pagare la somma e aveva solo concluso l’affare.

Nella struttura di questo affare è implicita la promessa vincolante di eseguire la prestazione? Sì, tutela delle promesse contrattuali sorrette da una controprestazione → i writs of debt e covenant vengono accantonati e l’assumpsit, ossia la promessa di pagare, diviene form of action.

L’analogia da un caso all’altro nel percorso dal torto all’inadempimento ultima modifica: 2013-05-31T23:38:56+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta