L’obbligazione e il rapporto obbligatorio

Le obbligazioni rappresentano un rapporto giuridico per il quale il debitore (subordinato) è tenuto a un comportamento patrimonialmente valutabile al fine di soddisfare l’interesse anche non patrimoniale del creditore (preminente).

I caratteri centrali dell’obbligazione sono la relatività, infatti solo il soggetto obbligato deve adoperarsi (tranne i casi in cui l’obbligazione è in incertam personam), e la mediatezza, dato che il creditore deve cooperare per la realizzazione del credito. L’obbligazione può consistere:

  • nella consegna di una cosa (obbligazione di dare).
  • nel compimento di una prestazione (obbligazione di fare).
  • nell’astensione dall’agire (obbligo di non fare).

Il debitore è soggetto a due tipi di responsabilità:

  • responsabilità personale (art. 1218): il risarcimento del danno nel caso di inadempimento.
  • responsabilità patrimoniale (art. 2740): la soggezione dei beni presenti e futuri all’azione del creditore insoddisfatto.
L’obbligazione e il rapporto obbligatorio ultima modifica: 2012-09-14T17:22:37+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta