La contabilità fiscale ordinaria

All’interno della categoria (fiscale) degli imprenditori commerciali, bisogna distinguere gli imprenditori soggetti al regime della contabilità ordinaria e gli imprenditori (imprese minori) il cui regime di contabilità è semplificato. Sono soggetti al regime della contabilità ordinaria i seguenti soggetti:

1) le società e gli enti commerciali soggetti all’imposta sul reddito delle persone giuridiche;

2) gli imprenditori individuali e le società di persone con ricavi superiori a 360 ml. annui;

3) gli imprenditori minori che optano per il regime di contabilità ordinaria.

A) ai fini dell’imposta sul valore aggiunto i soggetti passivi debbono emettere fattura per ogni operazione fiscalmente rilevante. Le fatture devono essere annotate, entro 15 gg. dalla loro emissione, secondo l’ordine della loro numerazione, nel registro delle fatture. I commercianti al minuto, non obbligati ad emettere le fatture, devono tenere (in luogo del registro delle fatture), il registro dei corrispettivi. Soggetti passivi dell’imposta sul valore aggiunto devono numerare in ordine progressivo le fatture e le bollette doganali relative ai beni e servizi acquistati o importati nell’esercizio dell’impresa, arte o professione, ed annotarla in apposito registro (reg. degli acquisti) entro il mese successivo a quello in cui le hanno ricevute.

B) Agli effetti delle imposizioni sui redditi, gli imprenditori commerciali devono tenere le seguenti scritture contabili:

1) i libro giornale e il libro degli inventari;

2) i registri prescritti ai fini dell’imposta sul valore aggiunto;

3) le scritture ausiliarie in cui registrare gli elementi patrimoniali e reddituali che concorrono alla formazione del reddito;

4) le scritture ausiliarie di magazzino;

5) il registro dei beni ammortizzabili;

6) il registro riepilogativo di magazzino;

7) il registro della lettura dei codici.

Le scritture di magazzino devono essere tenute soltanto dalle imprese che abbiano superato i limiti di 2 mld. di ricavi e di 500 ml. di rimanenze. Tali scritture indicano le quantità, non il valore, dei beni da valutare con il criterio delle rimanenze (così detti beni merce). Il libro dei cespiti ammortizzabili registra i beni per i quali è ammesso l’ammortamento: in esso sono annotati i costi di acquisto, gli ammortamenti, eventuali rivalutazioni, le cessioni ed altri eventi che comportano l’eliminazione del bene dal processo produttivo. Le irregolarità contabili sono punite con sanzioni amministrative e penali e legittimano l’ufficio ad accertare il reddito in via induttiva.

C) La tenuta della contabilità con sistemi meccanografici è considerata regolare se il contribuente è in grado di procedere alla stampa non appena richiesto dagli organi verificatori.

La contabilità fiscale ordinaria ultima modifica: 2013-02-14T19:41:22+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta