Il contenuto e l’oggetto del contratto

a)     In senso formale il contenuto indica il testo del contratto, cioè insieme delle dichiarazioni che rientrano nell’accordo contrattuale. Del contenuto in senso formale fanno parte le premesse e le narrative mediante le quali le parti chiariscono gli antecedenti del contratto. Esse non hanno natura dispositiva ma possono, comunque, concorrere a interpretare il contenuto del contratto.

b)    In senso sostanziale il contenuto è l’insieme delle disposizioni contrattuali, ossia l’insieme delle disposizioni mediante le quali i contraenti determinano il rapporto contrattuale (quindi è comprensivo di tutte le determinazioni poste in essere dalle parti per regolare i propri interessi).

Il contenuto, in definitiva, concreta l’atto di autonomia privata e deve quindi essere distinto rispetto alle determinazioni legali che concorrono a integrare il rapporto contrattuale.

Bisogna fare riferimento al contenuto per qualificare contratto cioè per accertare l’interesse economico e la natura giuridica dell’operazione possa essere dalle parti.

Oggetto del contratto

L’art. 1325 nell’elencare i requisiti essenziali del contratto fa riferimento anche all’oggetto.

Nel suo primario significato l’oggetto è il contenuto sostanziale del contratto, indicando ciò che le parti hanno stabilito o programmato. Ma la nozione di oggetto quale contenuto del contratto comprende, anche, i beni in esso previsti: il contenuto si determina, infatti, anche in relazione ai beni cui le parti riferiscono diritti e obblighi.

In definitiva, possiamo dire che l’oggetto è costituito dal bene o dall’utilità alla cui realizzazione o conseguimento è preordinato l’accordo contrattuale.

In base all’art.1346 l’oggetto del contratto deve essere:

a)     possibile

b)    lecito

c)     determinato o determinabile.

Il contenuto e l’oggetto del contratto ultima modifica: 2012-10-29T21:23:29+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta