I controlli sulle amministrazioni universitarie

II regime dei controlli al sistema universitario si caratterizza per il rango costituzionale dell’autonomia garantita alle università (art. 33 cost.). Il controllo interno sulla gestione amministrativa, finanziaria e contabile delle università è rimesso a nuclei di valutazione, che hanno il compito di verificare la ”produttività della ricerca e della didattica”, la corretta gestione delle risorse pubbliche, l’imparzialità e il buon andamento dell’azione amministrativa. I nuclei hanno autonomia operativa e diritto di accesso ai dati e alle informazioni necessari.

I criteri generali per la valutazione delle attività universitarie e la tipologia dei dati e delle informazioni che i nuclei sono tenuti a rilevare sono stabiliti dal Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario. Inoltre, i nuclei acquisiscono periodicamente, mantenendone l’anonimato, le opinioni degli studenti sulle attività didattiche. Sull’esito dei controlli eseguiti, i nuclei riferiscono annualmente al Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca e al Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario, anche ai fini della successiva assegnazione delle risorse a carico del bilancio dello Stato.

In ragione dell’autonomia costituzionale garantita alle università, le norme circoscrivono a determinati oggetti il controllo esterno della Corte dei conti (artt. 1 e 2, legge n. 370/1999). Da quest’ultimo è espressamente escluso il riscontro dei singoli atti di gestione, sia esso di legittimità o di regolarità contabile; mentre, per quanto riguarda il controllo sui risultati della gestione, questo ha ad oggetto unicamente i conti consuntivi e si svolge ai soli fini di una relazione al Parlamento, unica per tutte le università, sulla loro gestione finanziaria.

A tal fine, le università trasmettono alla Corte i consuntivi annuali – corredati delle relazioni del rettore, del nucleo di valutazione interna e dei revisori dei conti – non oltre quindici giorni dopo la loro approvazione e, comunque, non oltre sei mesi dopo la chiusura dell’esercizio finanziario a cui si riferiscono.

 

I controlli sulle amministrazioni universitarie ultima modifica: 2017-10-16T14:39:07+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta