Dolo nel codice penale

Circa la complessa struttura della colpevolezza, la concezione normativa richiede:

a)      l’imputabilità.

b)      la conoscenza o, quantomeno, la conoscibilità del precetto penale.

c)      il dolo o la colpa.

d)     l’assenza di cause di esclusione della colpevolezza.

Il dolo è la forma della colpevolezza:

  • originaria, perché il delitto colposo si impose per primo al pensiero giuridico.
  • fondamentale, perché esso rappresenta la più autentica forma di volontà colpevole.
  • più grave, perché esprime nesso psicologico più stretto ed immediato tra autore e fatto.
  • regolare, perché, per dette ragioni, è naturale che la responsabilità dolosa costituisca la regola nei delitti, mentre quella colposa e quella preterintenzionale l’eccezione.

Per il nostro codice civile, il dolo costituisce la rappresentazione e la volontà del fatto materiale tipico, ossia di tutti gli elementi della fattispecie reato. Tale nozione si ricava dall’insieme delle disposizioni (es. artt. 5, 44, 47, 59) che concorrono a determinare gli elementi che devono essere o che non occorre che siano conosciuti e voluti per aversi punibilità a titolo di dolo. La definizione dell’art. 43 co. 1, quindi, limitandosi ad esprimere il nucleo centrale del dolo, deve essere considerata incompleta.

Dolo nel codice penale ultima modifica: 2012-11-17T13:34:38+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta