La violenza sessuale mediante abuso delle condizioni di inferiorità della vittima (art. 609 bis, 2° comma, n° 1)

Secondo comma art. 609 bis → Due ipotesi ulteriori

1)      Abuso delle condizioni di inferiorità fisica o psichica;

2)      Trarre in inganno

Induzione di taluno a compiere o a subire atti sessuali.

Tali ipotesi sono derivate a quelle previste nell’abrogato art. 519 2° comma, numeri 3 e 4 → La differenza però consiste nell’ipotesi 1) dell’attuale art. 609 bis: mentre infatti, nel precedente articolo la condotta tipica consisteva nella congiunzione carnale anche consensuale, nell’attuale versione dell’art. 609 bis la rilevanza penale dell’attività dell’agente è subordinata all’ABUSO ed è stato espunto ogni riferimento alla “persona malata di mente”.

L’innovazione mira a tutelare la libertà sessuale dei soggetti infermi di mente assicurandogli una normale vita sessuale. Infatti, l’attuale disciplina non prevede più la “presunzione assoluta” dell’invalidità del consenso dell’infermo di mente e punisce l’induzione all’atto sessuale realizzata mediante ABUSO dell’inferiorità psichica e fisica.

  • Inferiorità fisica: stato individuale di incapacità a resistere alle altrui iniziative sessuali. Può dipendere da svariate cause di natura patologica.
  • Inferiorità psichica (non necessariamente coincide con infermità mentale): stato individuale che determini una menomazione totale o parziale della capacità di intendere e di volere, tale da rendere impossibile difendersi dall’altrui condizionamento psicologico o da determinare un vizio del consenso.

Il reato si realizza se il soggetto agente ABUSA delle condizioni, così da INDURRE il sogg. pass. a compiere o subire abusi sessuali.

ABUSO → sfruttamento, approfittamento, strumentalizzazione a fini sessuali della posizione di inferiorità.

INDUZIONE → influenza sul processo di formazione di volontà, attraverso persuasione, pressione morale.

Perché sia configurabile il DOLO → consapevolezza di tutti i richiamati elementi.

Abuso e induzione talvolta intesi come endiadi = Condotta di sopraffazione

→ Orientamento volto a non lasciare impunite ipotesi di atti abusivi “non induttivi”.

La violenza sessuale mediante abuso delle condizioni di inferiorità della vittima (art. 609 bis, 2° comma, n° 1) ultima modifica: 2013-11-16T12:39:52+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta