Giudizio per l’efficienza dell’amministrazione

Il d.lgs. n. 198 del 2009 ha introdotto un procedimento speciale per i ricorsi per l’efficienza delle amministrazioni e dei concessionari dei servizi pubblici, avente come obiettivo quello di assicurare un corretto svolgimento di una funzione amministrativa, nel caso di mancata emanazione di atti generali, o una corretta erogazione di un servizio, nel caso di inosservanza di obblighi o di standards stabiliti per quel servizio. Il processo è assoggettato ad una disciplina particolare, per l’esigenza di assicurare la possibilità di intervenire in giudizio sia per i soggetti che si trovano nella medesima situazione giuridica del ricorrente sia per il dirigente responsabile dell’ufficio coinvolto. Viene quindi previsto che il ricorso sia sottoposto a forme particolari di pubblicità (es. deve esserne data notizia sul sito istituzionale internet dell’amministrazione) e a scadenza particolari. I ricorsi in materia sono devoluti alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, il quale, qualora accolga il ricorso, ordina all’amministrazione di porre rimedio all’inefficienza accertata entro un termine congruo.

Giudizio per l’efficienza dell’amministrazione ultima modifica: 2012-07-18T20:17:36+00:00 da admin
Richiedi gli appunti aggiornati
* Campi obbligatori

Lascia una risposta